Eventi - AMINE & HAMZA 5tet | Teatro La Fenice

CALENDARIO

Seleziona l’Icona
VISUALIZZA CALENDARIO COMPLETO

AMINE & HAMZA 5TET



Teatro La Fenice: Sale Apollinee

Amine M’raihi: oud

Hamza M’raihi: kanoun

Baiju Bhatt: violino

Valentin Conus: sax

Prabhu Edouard: tabla

Date e orari

Giorno

Data

Ora

Descrizione

Vendita

dom

21/01/2018

18:00

---

Non disponibile

AMINE E HAMZA 5TET

Amine M’raihi oud
Hamza M’raihi kanoun
Baiju Bhatt violino
Valentin Conus sax
Prabhu Edouard tabla



Due giovani fratelli tunisini accomunati dalla passione per gli strumenti a corda della tradizione musicale araba, suonano adottando tecniche moderne e creando nuove sonorità prese a prestito da diverse influenze orientali. Sono Amine e Hamza, i protagonisti del primo appuntamento della rassegna Etnoborder, ideata da Veneto Jazz per raccontare ed esplorare le diverse declinazioni della musica etnica contemporanea, senza distinzione geografica. In programma domenica 21 gennaio (ore 18.00) alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, si esibiscono nella formazione del quintetto, completato dal violino di Baiju Bhatt, dal magico clarinetto di Blaise Ubaldini e dalla voce algerina di Karima Nayt.

Lontani dagli stereotipi musicali, Amine M’Raihi e Hamza M’Raihi brandiscono i loro strumenti in segno di invito al viaggio e al sogno in un universo in cui le frontiere e le barriere geografiche sono abolite. Tunisini, iniziati molto presto alla musica classica araba che ha permesso loro di sviluppare una padronanza tecnica straordinaria, anche grazie al loro virtuosismo hanno sviluppato uno stile autonomo che incrocia in maniera dinamica e personale la musica tradizionale del loro Paese con sfumature di musica classica occidentale, jazz, flamenco, musica tradizionale indiana, persiana e di molte altre tradizioni. Suonano sia composizioni classiche che originali, riferendosi alla musica arabo-andalusa che nelle diverse aeree del Maghreb acquisisce differenti nomi e particolarità espressive. Amine e Hamza sono l’immagine di una nuova generazione di musicisti, fieri delle loro identità multiple, aperti verso tutte le altre culture. Entrambi continuano a sfidare le leggi cristallizzate del classicismo musicale delineando un percorso verso l’espressione di una nuova e coraggiosa identità musicale. A dispetto della loro giovane età (sono nati rispettivamente nel 1986 e 1987) vantano già riconoscimenti e palcoscenici prestigiosi.