CALENDARIO

Seleziona l’Icona
VISUALIZZA CALENDARIO COMPLETO

GIACHINO ROSSINI, SEMIRAMIDE



Venezia: Teatro La Fenice

Direttore: Riccardo Frizza

Regia: Cecilia Ligorio

Date e orari

Giorno

Data

Ora

Descrizione

Vendita

ven

19/10/2018

19:00

Turno A - disponibile alla vendita da luned 11 settembre 2017

Non disponibile online

dom

21/10/2018

15:30

Turno B - disponibile alla vendita da luned 11 settembre 2017

Non disponibile online

mar

23/10/2018

19:00

Turno D - disponibile alla vendita da luned 11 settembre 2017

Non disponibile online

gio

25/10/2018

19:00

Turno E - disponibile alla vendita da luned 11 settembre 2017

Non disponibile online

sab

27/10/2018

15:30

Turno C - disponibile alla vendita da luned 11 settembre 2017

Non disponibile online

Non disponibile online: clicca per avere informazioni sull'acquisto dei biglietti.
Non disponibile online: clicca per avere informazioni sull'acquisto dei biglietti.
Non disponibile online: clicca per avere informazioni sull'acquisto dei biglietti.
Non disponibile online: clicca per avere informazioni sull'acquisto dei biglietti.
Non disponibile online: clicca per avere informazioni sull'acquisto dei biglietti.
PROGETTO ROSSINI
centocinquantesimo anniversario della morte di Gioachino Rossini

cast

Semiramide Jessica Pratt
Arsace Teresa Iervolino
Assur Alex Esposito
Idreno Edgardo Rocha

direttore Riccardo Frizza
regia Cecilia Ligorio

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
maestro del Coro Claudio Marino Moretti

sopratitoli in italiano e in inglese 
nuovo allestimento Fondazione Teatro La Fenice








L’opera, tratta dalla Tragédie de Sémiramis di Voltaire debuttò per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia nel 1823. La storia ricorda per alcuni versi quella dell’Amleto di Shakespeare. La vittima (Nino) chiede al figlio (Arsace-Ninia) di vendicare il proprio omicidio. I colpevoli sono la madre (la regina Semiramide) e il principe Assur. Il figlio non se la sente di uccidere Semiramide, ma tradito dall’oscurità ucciderà proprio la madre e sconvolto tenterà di suicidarsi. Ma il popolo trionfante entrerà nel luogo del delitto proclamandolo imperatore.