Eventi - Giuseppe Verdi, Macbeth | Teatro La Fenice

CALENDARIO

Seleziona l’Icona
VISUALIZZA CALENDARIO COMPLETO

GIUSEPPE VERDI, MACBETH



Direttore: Myung-Whun Chung

Regia: Damiano Michieletto

Date e orari

Giorno

Data

Ora

Descrizione

Vendita

ven

23/11/2018

19:00

TURNO A

Acquista online

dom

25/11/2018

15:30

TURNO B

Acquista online

mar

27/11/2018

19:00

TURNO D

Acquista online

gio

29/11/2018

19:00

TURNO E

Acquista online

sab

01/12/2018

15:30

TURNO C

Acquista online

cast
Macbeth Luca Salsi
Banco Simon Lim
Macduff Stefano Secco

sito in costante aggiornamento per i restanti ruoli

Direttore Myung-Whun Chung
regia Damiano Michieletto

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
Maestro del Coro Claudio Marino Moretti

nuovo allestimento Teatro La Fenice









Melodramma di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, la cui prima venne data al Teatro La Fenice di Venezia l’11 marzo del 1851. Verdi, quando musicò Macbeth, era in un periodo di grande vivacità e produttività: tra l’11 marzo 1851 e il 6 marzo 1853, il Maestro mise in scena Macbeth, Il Trovatore e La Traviata, che sono, con tutta probabilità, le sue opere più popolari e si trovò spesso in contrapposizione con il librettista. Il compositore stava sviluppando il suo modo personale di interpretare il teatro, tendendo verso la "parola scenica", un testo che fosse totalmente aderente alla situazione drammatica.

Verdi ingaggiò con Francesco Maria Piave un pesante conflitto epistolare sostenuto da un richiamo continuo e quasi ossessivo, verso una prosa concisa, forte e significante, unita all’uso di poche parole che fossero in grado di rendere la situazione drammatica. Le esigenze innovative di Verdi diedero il via allo sfrondamento della fonte originale dell’opera che riguardò anche i personaggi, ridotti a tre, Macbeth, Lady Macbeth e il Coro di Streghe, più due piccole parti, Banco e Macduff, che Verdi ampliò quando la struttura del dramma si era fatta così scarna da richiedere l’aggiunta di un’aria di Banco (“Come dal ciel precipita”), l’ampliamento di quella di Macduff (“Ah la paterna mano”) e di quella finale di Macbeth.