Eventi - Mozart, Il sogno di Scipione | Teatro La Fenice

CALENDARIO

Seleziona l’Icona
VISUALIZZA CALENDARIO COMPLETO

MOZART, IL SOGNO DI SCIPIONE



Venezia: Teatro Malibran

Direttore: Federico Maria Sardelli

Regia: Elena Barbalich

Scene e Costumi: Accademia di Belle Arti di Venezia

Scene: Francesco Cocco

Costumi: Davide Tonolli

durata: 1h30'

Date e orari

Giorno

Data

Ora

Descrizione

Vendita

ven

08/02/2019

19:00

TURNO A

Non disponibile

dom

10/02/2019

15:30

TURNO B

Non disponibile

mar

12/02/2019

19:00

TURNO D

Non disponibile

gio

14/02/2019

19:00

TURNO E

Non disponibile

sab

16/02/2019

15:30

TURNO C

Non disponibile

cast

Scipione Giuseppe Valentino Buzza
Costanza Francesca Boncompagni
Fortuna Bernarda Bobro
Publio Emanuele D’Aguanno
Emilio Luca Cervoni
Licenza Rui Hoshina

Direttore Federico Maria Sardelli
Regia Elena Barbalich
Scene e Costumi Scuola di scenografia e costume dell’Accademia di Belle Arti di Venezia
Scene Francesco Cocco
Costumi Davide Tonolli

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
maestro del Coro Claudio Marino Moretti

nuovo allestimento Fondazione Teatro La Fenice
in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Venezia
progetto Atelier della Fenice al Teatro Malibran

in differira su                                        

col sostegno di





La recita di giovedì 14 febbraio
sarà trasmessa in differita su France Télévisions (www.culturebox.fr)
e su szenik (www.szenik.eu/Fr/Szenik-live)


Non è chiara l’occasione per cui Mozart ebbe a mettere in musica questa serenata (forse l’anniversario dell’ordinazione dell’arcivescovo Schrattenbach, che però morì nel dicembre del 1771 e, quindi, cancellata tale festa, l’insediamento dell’arcivescovo Colloredo nella primavera successiva). Di conseguenza sono incerte sia le circostanze della prima rappresentazione, sia il periodo di composizione, che oscilla tra il 1771 e il 1772.

Il testo di questa azione teatrale, scritta a Vienna da Metastasio nel 1735 per la musica di Luca Antonio Predieri, si configura come una festa edificante tipica della tradizione cortese umanistico-illuminata, proposta artisticamente elaborata di un modello di umanità virtuosa. Addormentatosi nella reggia di Massinissa, Scipione l’Africano è trasportato in sogno nel cielo degli eroi, dove incontra la Costanza e la Fortuna, che lo attirano con reciproche promesse.

In mezzo a un gruppo di spiriti magni gli appaiono il nonno adottivo Publio Cornelio e il padre Emilio Paolo, con i quali discute del mondo, dei desideri e delle passioni degli uomini. Chiamato a scegliere tra Fortuna e Costanza, Scipione si lascia convincere dalle esortazioni di quest’ultima. La scelta è compiuta e il sogno è terminato. Gli interessi del compositore adolescente per l’orchestra sono evidenti già dalla sinfonia d’apertura (in due soli tempi: aggiunto il Finale KV 163, diverrà autonoma come Sinfonia KV 161).

Anche nelle nove arie la brillantezza e l’eleganza della scrittura sinfonica sono palpabili; dei due cori, "Germe di cento eroi" è notevole per l’impatto espressivo, mentre il magistero di Johann Christian Bach agisce nella densità espressiva del recitativo accompagnato conclusivo.